Site icon Gatti di Bergamo

Come costruire un terrario per tartarughe di terra in giardino?

Come costruire un terrario per tartarughe di terra in giardino

Come costruire un terrario per tartarughe di terra in giardino

come realizzare un terrario per tartarughe di terra nel proprio giardino

Creare un angolo di natura nel proprio giardino dedicato a ospitare le tartarughe di terra può essere una scelta ricca di soddisfazioni e un’esperienza educativa per grandi e piccini. Questi affascinanti rettili, infatti, necessitano di uno spazio ben strutturato che riproduca il più fedelmente possibile il loro habitat naturale. La realizzazione di un terrario esterno, conosciuto anche come recinto o pen per tartarughe, richiede attenzione e cura dei dettagli. Di seguito, scopriamo come costruire un terrario per tartarughe di terra in giardino in modo efficace ed efficiente.

Scegliere la posizione ideale

La prima fase della costruzione prevede la scelta di un’area adatta all’interno del proprio giardino. È importante selezionare una posizione che possa garantire sia zone soleggiate, indispensabili per la termoregolazione delle tartarughe, sia aree ombreggiate, per i momenti di riposo e per proteggerle dalle ore più calde. Meglio evitare luoghi troppo vicini ad alberi da cui potrebbero cadere frutti o rami, che potrebbero rappresentare un pericolo o disturbo per gli animali.

Dimensioni e forma del terrario

La grandezza del terrario dipenderà dal numero di tartarughe che si intende ospitare e dalla loro specie, poiché alcune possono diventare piuttosto grandi. Come regola generale, più spazio è disponibile, meglio è; una superficie minima di 5 metri quadrati per una coppia di piccole tartarughe può essere un buon punto di partenza. La forma del terrario può essere rettangolare o quadrata, con angoli arrotondati preferibilmente, per evitare che gli animali si incastrino o si danneggino cercando di superare gli angoli.

Costruire le recinzioni

Le tartarughe di terra sono ottime scavatrici e possono tentare di fuggire, quindi le recinzioni devono essere robuste e immerse nel terreno per almeno 20-30 cm. Materiali come legno trattato, pietra o mattoni possono essere adatti per costruire i bordi del terrario. Assicurarsi che la recinzione sia sufficientemente alta, almeno 40-50 cm, per impedire alle tartarughe di arrampicarsi e scavalcare.

Creare l’habitat interno

All’interno del terrario è essenziale creare un ambiente stimolante e confortevole per gli animali. Questo include:

– Terreno: una miscela di terra, sabbia e torba è ideale per permettere alle tartarughe di scavare senza difficoltà. Assicurarsi che il terreno sia privo di sostanze chimiche o fertilizzanti dannosi.
– Vegetazione: piantare erbe, fiori e piante non tossiche consente alle tartarughe di integrare la loro dieta e di nascondersi o riposarsi all’ombra. Qualche esempio includerebbe trifoglio, dente di leone e piante grasse.
– Nascondigli e rifugi: le tartarughe apprezzano la possibilità di ritirarsi in un luogo sicuro. Si possono creare ripari con legno, piante o rocce, assicurandosi che non ci siano rischi di crollo.

Acqua e umidità

Le tartarughe di terra necessitano anche di accesso all’acqua per bere e, a volte, per rinfrescarsi. È quindi importante inserire una vaschetta d’acqua poco profonda, preferibilmente affondata nel terreno, che dovrà essere mantenuta pulita e rifornita. Inoltre, il terrario dovrà avere un buon livello di umidità, che può essere regolato con annaffiature regolari o installando un sistema di irrigazione a goccia.

Protezioni dagli elementi e dai predatori

Per assicurare la sicurezza delle tartarughe, è fondamentale proteggerle sia dagli eventi atmosferici avversi sia dai predatori. Questo può richiedere la costruzione di una copertura parziale o mobile per il terrario, che può essere realizzata con reti o altri materiali permeabili che lascino passare la luce del sole ma proteggano dalla pioggia eccessiva e dagli uccelli predatori. Inoltre, è importante controllare periodicamente il perimetro per assicurarsi che non ci siano aperture da cui possano intrufolarsi gatti o altri animali.

Manutenzione e cura

Infine, il terrario richiede una manutenzione regolare per garantire che l’ambiente rimanga sano e sicuro per le tartarughe. Questa include la pulizia della vaschetta d’acqua, la rimozione di piante morte o malate, il controllo della recinzione e la verifica dell’umidità del terreno. Durante l’inverno, a seconda del clima e della specie di tartaruga, potrebbe essere necessario predisporre un’area isolata o un rifugio riscaldato dove gli animali possano brumare in sicurezza.

Considerazioni finali

Costruire un terrario per tartarughe di terra nel giardino è un progetto che richiede impegno e una certa dedizione, ma la soddisfazione di osservare questi affascinanti animali esplorare e vivere in uno spazio creato appositamente per loro è impagabile. Oltre alle considerazioni pratiche, è importante informarsi sulle specifiche esigenze della specie di tartaruga che si intende ospitare, poiché ciascuna può avere particolari necessità in termini di dieta, temperatura e umidità. Con la giusta pianificazione e cura, il proprio giardino può diventare un piccolo paradiso per queste creature straordinarie.

Exit mobile version